Alessandro Gassman racconta di Vittorio Gassman

Alessandro Gassman racconta di Vittorio Gassman

Dopo la piacevole avventura nel film di Rocco Papaleo, Basilicata Coast to Coast, Alessandro Gassman intervistato da Vanity Fair rivela alcuni simpatici aneddoti sul padre, il mitico Vittorio Gassman,

“Sulle droghe mio padre mi diceva di stare attento, ma ricordiamoci che lui si beveva tre-quattro litri di rosso al giorno: non poteva protestare molto. Poi, un giorno mi ha chiesto: Fammi provare queste droghe giovanili. E io gli ho dato una canna. Il risultato è che ha parlato per quattordici ore, di qualunque cosa. Popi è andato a letto e ha dormito fino alle tre del pomeriggio”.

(Foto e video alla fine del Post)

Continua a raccontare Alessandro ricordando di quella volta che rifiutò le avances di Raquel Welch,

“E’ successo al premio Rodolfo Valentino, a Lecce, dove ero con lui. Avevo diciotto anni, e lei entrò nell’ascensore dell’albergo con me. Arrivata al terzo piano, prima di scendere, mi guarda e mi fa un sorriso accattivante. Era un invito abbastanza esplicito, ma io ho spinto il bottone del quarto e sono andato a dormire. Così lui mi ha dato del cretino: dovevi entrare in camera e farle quanto ti ho insegnato. Era proprio quello il gioco: diceva queste cose, ma sapevo benissimo quanto era felice che fosse andata a finire così, che io, per timidezza, non fossi sceso dall’ascensore. Eravamo timidissimi tutti e due”.

Comments

comments